La Musicha perduta

l'eterna ricerca del suono dimenticato


Artus, figlio del semidio Vooran e dell’umana Selenia dedicherà la sua intera vita nella dimostrazione che la musica non è solo “musica”. Infatti, lungo il percorso della sua ricerca incontrerà un essere reale: Musicha, la Dea, la Musa. Essa si paleserà come una vertiginosa entità spirituale che “sogna” incantata in ogni cosa vivente: scoprirà che Musicha è “Colei attraverso sui venne creato il mondo”.

La ricerca della divina musica delle sfere, “Musicha che è perduta” per ogni umano moderno, porterà il protagonista a peregrinare nello spazio e nel tempo, lottando fra gli inganni e i pericoli infusi dall’antico mondo spirituale (religioni) e il futuro mondo spirituale (le scienze), i quali vorrebbero per sé, rubare il “segreto” che Artus porta nel suo cuore: l’uso della musica come via per divenire co-creatori entro il divenire universale.

Nel testo vengono comunicate sette vie, sette scale per accedere ai mondi planetari, ai cori angelici, alla porta della divina Musicha: sette melodie per incontrare la Parola universale creatrice dell’esistenza: Musicha.

Simbolico, multisignificante, cosmogonico, forse autobiografico. Un romanzo per chi è in cammino verso se stesso. Tiziano Bellucci segue sempre la sua strada e non si cura troppo di essere compreso. Già nel saggio “Erosophia:i misteri del maschile e del femminile” ci avvisa che occorre volontà per leggerlo. La ricerca di Musicha è la ricerca del senso della vita e dell’armonia. Musicha è persona e non solo un’idea, è presenza solida che appartiene al mondo. Un testo che attraversa il tempo e lo spazio, che ha un respiro siderale. Che la Musicha perduta ora possa sorgere in noi! (recensione a cura di Robero Solinas)


Il libro può essere ordinato in qualunque libreria oppure sui nostri store on line:

link diretto Argento dorato Unilibro La Feltrinelli Mondadori IBS

Video Presentazione libro Ferrara Video Book trailer ESO


Post recenti

Mostra tutti