Rudolf Steiner

Filosofo, storico, scienziato e fondatore dell'antroposofia, nasce il 27 febbraio 1861 a Kraljevic. Già  all'età di sette anni associava percezioni e visioni di realtà ultra mondane: "distinguevo cioè esseri e cose 'che si vedono' ed esseri e cose 'che non si vedono' ". Impulsatore di innumerevoli realtà tuttora attive nel mondo: medicina antroposofica,  pedagogia Waldorf, Agricoltura biodinamica, Euritmia. Per approfondire clicca sui tasti sotto.

L’antroposofia è una “scienza spirituale”  fondata da Rudolf Steiner.
È un tentativo di investigare e descrivere fenomeni spirituali per mezzo della “osservazione animica mediante metodo scientifico”. La ricerca antroposofica tenta di investigare e descrivere un mondo spirituale che, come cerca di dimostrare, risiede al di là del mondo dei sensi umani e delle esperienze, e ambisce a raggiungere la stessa precisione e chiarezza dell’approccio scientifico delle scienze naturali nell’investigazione e descrizione del mondo fisico.

goetheanum-1255405_1920.jpg
libri.jpg

La Scienza dello Spirito

"Dopo essermi occupato intensamente dell’Antroposofia per più di trent’anni, sono giunto alla ferma convinzione di trovare in Rudolf Steiner uno dei più veri, più belli e più puri Spiriti umani, mai vissuti sulla Terra. E la sua biografia è un Mistero, le cui profondità sino ad oggi sono ancora poco scandagliate.

Per me Rudolf Steiner, come difficilmente un altro uomo, è colui, che nel moderno seguito del Cristo, non solo parlava e scriveva delle verità spirituali, bensì le viveva anche e con ciò le ha unite inseparabilmente a tutto il suo essere – egli era veramente queste verità spirituali.

Perciò la venerazione che si può avere nei confronti dell’essere di Rudolf Steiner è solo tanto più grande, quanto più si giunge alla vera comprensione di esso. Allora essa è oggettiva e profondamente fondata nella disciplina occulta, che egli diede agli uomini del presente. Nasce nella sana anima dell’uomo, non perché Rudolf Steiner l’abbia richiesta, bensì nasce in piena libertà (Prokofieff)."