PER-CORSO 8 seminari antroposofia da casa

Aggiornamento: mar 12

"La conoscenza dei mondi superiori"

consapevolezza e riscoperta di sé con la scienza spirituale

(Il senso della vita è dare un senso superiore alla vita)

8 Lezioni solo AUDIO HOME studio (7 ore l’una) con PDF


Intuisci il tuo destino

Conosci il tuo ruolo nella vita e nel mondo

Sviluppa la tua intuizione e le tue facoltà superiori latenti

Amplia l’orizzonte della vita

Ritrova il tuo centro di gravità interiore

Riarmonizzati e riequilibrati


Scarica il per-corso formativo tenuto da Tiziano Bellucci, antroposofo (8 files audio di 7 ore l’uno + dispense):

  • Lo sviluppo occulto dell’uomo nelle sue parti costitutive

  • L’enigma del sonno, del sogno e della morte

  • Preistoria dell’umanità. Evoluzione dell’uomo e del mondo

  • L’origine del male. Nessi karmici e libertà: come agisce il destino?

  • L’arte e il suo significato nel mondo

  • Il Quinto Vangelo e i 7 segni di Giovanni

  • Eros e psiche: amore, amicizia e sessualità

  • Malattia e guarigione: concentrazione e meditazione

Costo: 190 euro

Richiedi il per-corso tramite il modulo (click)


Dopo aver versato il contributo, riceverai regolare ricevuta fiscale e un link dove potrai scaricare tutto il materiale.

A partire da Gennaio a Luglio 2021 ore 21.30 ogni secondo lunedì di ogni mese verranno tenute 8 lezioni ON LINE gratuite sul gruppo privato facebook Focus 3.0. Questi incontri saranno di supporto e di stimolo per lo studio più approfondito dell’antroposofia in parallelo al percorso

FOCUS 3.0 il mistero della vita (click per iscriversi)




  1. L’aura umana e i suoi corpi 11 Gennaio 2021

  2. Vita da morte a nuova nascita 8 Febbraio

  3. Preistoria dell’umanità. Evoluzione dell’uomo e del mondo 15 Marzo

  4. L’origine del male. Nessi karmici e libertà: come agisce il destino? 12 Aprile

  5. L’arte e il suo significato nel mondo 10 Maggio

  6. Eros e psiche: amore, amicizia e sessualità 14 Giugno

  7. Malattia e guarigione: concentrazione e meditazione 12 Luglio

DEMO introduttivo:







per testare la qualità audio e il formato WMA che verrà inviato:

Per dettagli, sulle materia trattate:

VEDI SOTTO

Rivolto a tutti, a neofiti, a ricercatori di sè

Questo periodo può essere ottimale per occuparsi della propria formazione e sviluppo spirituale: per la crescita interiore.


Si tratta di un percorso di conoscenza e di autoeducazione che trae le sue indicazioni dalla Scienza dello Spirito: i fondamenti, le basi della scienza dello spirito di R. Steiner.


Vengono offerte conoscenze per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della società.


I grandi mutamenti attuali indicano il sopravvenire di una società globale più etica che comporta una crescita umana, basata su un armonico modello di benessere psicofisico e sulla realizzazione di una chiara consapevolezza di sé.


Si tratta di 8 incontri audio di 7 ore ciascuno con immagini e power point, tenuti da Tiziano Bellucci

Aderendo all’iniziativa si riceverà un link dove scaricare l’intera serie di seminari :

per iscrizioni compila e invia il modulo selezionando "Per-corso 8 seminari antroposofia da casa" cliccando qui sotto


oppure per info scrivi qui: unicornos@hotmail.it


PROGRAMMA dettagliato ARGOMENTI:

1° incontro La natura nascosta umana. Le 9 parti dell’uomo.

L’aura umana. Corpo fisico, corpo eterico, corpo astrale (3 anime) e organizzazione dell’io. Manas, Budhi, Atma”. La trasformazione dei veicoli inferiori in facoltà superiori.

L`uomo e` la sintesi dei regni della natura; il Principio (lo Spirito del Cosmo) originante tali regni, s`incarna parzialmente nell`uomo come Io. 1- corpo fisico: regno minerale; 2- corpo eterico: la forza strutturante il regno vegetale; 3- corpo senziente o astrale: dona una relazione sensuale e sensoria con la vita fisica, in modo non dissimile da cio` che avviene nell` animale. (Corpo astrale inferiore, ossia la natura impura, passionale, emotiva e istintiva; corpo astrale superiore, quale essenza capace di cogliere la Purezza spirituale delle manifestazioni sensibili). Il Principio della coscienza individuale, Atma o Io, impronta la correlazione dei tre sistemi precedenti, diversificando il regno umano dagli altri regni. L`io di cui l`uomo normalmente parla e` bensi` Atma, ma questo affiora e balugina appena nella sua organizzazione astrale-eterico-fisica: essa e` solo parzialmente dominata dall`elemento mentale-spirituale. Corpo fisico spaziale: il muoversi della materia nello spazio.

Corpo eterico temporale: il fluire ciclico e ritmico nella corrente del tempo.

Corpo astrale lucente: l’afferrarsi nell’irraggiare della luce e della tenebra.

Corpo dell’io: il tendere a diventare, identificarsi con la Coscienza del cosmo.

L`uomo, piu` che un regno, e` una Gerarchia. L`uomo in virtu` del suo Io, puo` volitivamente controllare istinti e passioni,cosa che gli animali non possono fare. Lo Spirito si manifesta nel minerale come fissita`, nel vegetale come forma e nell`animale come anima: nell`uomo sorge come pensiero. Scopo dell`uomo, e` di realizzare l`identita` di se`stesso tramite l`arto del pensiero: nell’attività pensante lo Spirito rinuncia parzialmente ad esprimersi coercitivamente come legge ed istinto, come invece fa negli altri tre regni. Lavoro dell`Io per giungere a dominare i principi o veicoli inferiori.


2° incontro

Sogno e Sonno. Esperienze fra morte e nuova nascita. Le sfere planetarie.

L’esperienze dell’uomo oltre la soglia. Purificazione ed elevazione. Il viaggio planetario dell’anima nelle varie sfere. La mezzanotte cosmica. Il ritorno verso la Terra. La legge del destino e delle vite terrene ripetute.

DOVE SI TROVANO I MONDI SPIRITUALI?

i 3 stati di coscienza notturni sono porte di accesso ad essi: ogni notte vi viviamo – ogni notte compiamo un viaggio percorrendo lo spazio dalla luna sino allo zodiaco: ogni pianeta è sede di entità – l mondo immaginativo rappresenta il percorso luna/venere/mercurio – il mondo ispirativo il percorso nell’area di sole,marte e giove – il mondo intuitivo la sfera di saturno e oltre, verso lo zodiaco

La reincarnazione dello spirito umano è spesso equivocata. Non è la personalità che si sviluppa sulla terra, nè il peculiare carattere, né il temperamento, nèi tratti somatici riappaiono in un’altra vita. L’individuo si presenta “nuovo” sia come sangue, carne e personalità perché queste cose vengono suscitate dai caratteri ereditari assunti una volta che si è nati in un dato ceppo umano. Ciò che si ripresenta come elemento unitario, immortale e immutabile, è lo spirito umano, il suo io. E’ quindi corretto parlare di “reincarnazione dello spirito umano”. E’ tuttavia importante comprendere che durante le varie vite l’io, sviluppa tramite la vita nel corpo e nell’anima sulla terra, un elemento nuovo, un estratto, ovvero una sorta di “talento” che è il “frutto”, il risultato di ogni singola vita. Questo “frutto” o “spiga” viene chiamato anima spirituale, Sé spirituale o personalità spirituale. Questa “anima” speciale che si è sviluppata tramite il lavoro di purificazione durante il cammino terrestre diventa parte dell’io e si unisce ad essa, come in in una fusione, in un matrimonio. L’io si arrichisce di una qualità che si può sviluppare solo tramite la vita fisica. In questo senso l’io “va a scuola”, nell’aula cosmica chiamata “terra”, per sviluppare determinate qualità. Il Principio dell’io sposa la Principessa nell’anima. L’io dell’uomo non vive dunque una sola vita. Come anima e come spirito si veste di un corpo fisico, in una data famiglia all’interno di un dato popolo, e vi permane per un tempo all’incirca di 70 anni. Poi muore, passa entro una esistenza spirituale, e rinasce in un nuovo corpo, entro una nuova famiglia. L’uomo non permane anni o mesi nell’aldilà prima di ridiscendere. Passano dei secoli,tra la morte e una nuova nascita: il periodo di tempo che l’essere umano trascorre nello stato disincarnato è dunque molto più lungo di una vita terrena. Sottostà ad una legge detta: la precessione degli equinozi.


3° incontro

Evoluzione dell’uomo e del mondo. Passato, presente e futuro della Terra.

Illustrazione dello scopo, della mèta dell’uomo e degli altri regni terrestri quali esseri in continua evoluzione.

L’uomo proviene da un passato cosmico, dove ha attraversato 3 fasi passate, iniziate miliardi di anni or sono, di evoluzione della sostanza e della coscienza: dovrà incontrare anche 3 evoluzioni future.

Origine del sistema solare:

saturno: creazione del calore (con simbolo dello Zolfo infuocato)

sole: luce e aria

luna: suono ed acqua, processi chimici (con simbolo dell’argento vivo o Mercurio)

terra: mineralità, etere vitale (con simbolo del Sale)

giove: acqua, aria e fuoco

venere: aria e fuoco

vulcano: fuoco

Ogni “fase” planetaria oltre che a determinare l’origine di un particolare “stato” della sostanza, realizza anche un nuovo stato di coscienza. Su Saturno, lo stato di coscienza è pari a quello presente nel mondo minerale (sonno letargico, di trance); sul Sole la coscienza dei vegetali (sonno senza sogni); sulla Luna la condizione degli animali (stato di sogno), sulla terra stato umano (stato di veglia). Sulla futura incarnazione di Giove si presenterà una coscienza immaginativa, su Giove una condizione ispirativa, su Vulcano uno stato intuitivo.

Sviluppo degli stati coscienza:

– saturno: Il primo stato di coscienza fu miliardi di anni fa: uno stato di trance: minerale: medianico: Coscienza

saturnia=onniscienza: percezione telepatica, partecipazione inconscia ai fatti che accadono dalla terra sino alla zona zodiacale.

– sole: il secondo stato fu lo stato di sonno senza sogni o vegetale: coscienza solare o percezione telepatica e

partecipazione inconscia a qualsiasi cosa accade nel sistema solare.

– luna: il terzo stato fu lo stato di sogno o animale: coscienza lunare o percezione telepatica e partecipazione inconscia ai fatti accaduti nell’orbita della luna

– terra: il quarto stato: attuale o percezione di ciò che avviene solo tramite i propri sensi

– giove: il quinto stato immaginazione (stato lunare cosciente) coscienza psichica

– venere: il sesto stato ispirazione (stato solare cosciente) coscienza iperpsichica

– vulcano: il settimo stato intuizione (stato saturnio cosciente) coscienza onnisciente

Le sette ere terrestri: polare, iperborea, lemurica, atlantica, attuale, dei 7 suggelli, delle 7 trombe.

Le sette epoche attuali: paleo indiana, paleo persiana, egizia, greco-romana, attuale, era slava, era americana.

Sulle future incarnazioni Giove, la materia perderà consistenza, ripresentandosi allo stato liquido astrale, su Venere alla condizione aerea eterica e su Vulcano allo stato calorico e spirituale.


4° incontro

L’Arte della Libertà: Destino e Libero arbitrio. Il bene e il male

La legge del contrappasso.

Le forze dell’obbligo o della necessità (gerarchie)

le forze del libero arbitrio (Lucifero e Arimane)

Il significato esoterico del perdono (Cristo)

L’Iniziazione: tecniche di liberazione dal destino

L’uomo, quale essere spirituale del mondo celeste,non è libero; per divenire libero deve essere prima uomo. Deve trovarsi condizionato da forze che lo afferrano e lo guidano dove egli si illude di essere libero, non distinguendo sé stesso dalla loro azione, credendo sé stesso nel pensare, sentire e volere, quando invece egli è in virtù di queste. Egli deve comprendere il gioco e attuare la distinzione.

L’uomo crede di essere libero compiendo il loro movimento,vivendo nel loro dominio. L’uomo in sé non è né peccatore,né egoista; lo diviene solo in seguito all’azione degli ostacolanti. L’uomo è schiavo delle influenze che sorgono dalla sua corporeità, intessuta da azioni di forze ostacolanti, i quali suscitano in lui l’illusione della libertà.

Sino a che l’uomo agisce sotto la spinta dei propri istinti, tendenze e passioni, non è libero. Egli crede di essere questi attributi. Si identifica con essi, credendo di sentirsi autorizzato a rivendicare le loro richieste. Perché li ritiene scaturenti dal suo essere. Ma essi non nascono dal suo vero essere.

Quello che sente agire in lui non è la sua vera entità. Sono impulsi che sorgono dalle necessità del corpo o da stimoli esterni. O da elementi subconsci a lui inconosciuti. Qui il suo vero essere non si manifesta affatto. Se egli mutasse il suo modo di pensare, se cambiasse coscienza allora verrebbe a conoscere desideri che sono molto diversi da quelli che ha ordinariamente. Quegli impulsi sarebbero davvero liberi, perché li scoprirebbe allineati con il pensare morale del mondo, con l’armonia divina del cosmo.

Sino a che si respinge la possibilità di poter assurgere ad un pensare superiore, non si può essere liberi. La libertà passa attraverso un superamento del pensare stesso da ente riflettente ad organo di percezione della realtà superiore. I veri desideri del vero essere dell’uomo non assomigliano a nessun desiderio terrestre: sono intuizioni che egli sperimenta al di fuori dell’esistenza naturale, senza che nella sua coscienza ordinaria vi sia neppure il presentimento dell’esistenza di un mondo spirituale. Dice Steiner nella autobiografia, al dodicesimo capitolo: “all’uomo non è dato fin dal principio il suovero essere, la vera autocoscienza. Egli deve conquistarla dopo aver raggiunto un intesa della coscienza umana con se stessa”.


5° incontro

L’arte e il suo significato nel mondo. Le 7 arti: architettura, scultura, pittura, musica, danza, poesia, teatro.

Cosa è l’arte? Da dove viene? Perchè nell’uomo compare la necessità di fare arte? Oppure: perchè un dato colore, una data forma architettonica o scultorea, una data armonia o melodia musicale suscita in noi determinati e ben precisi stati d’animo?

Questi sono tutti quesiti destinati a restare insoluti ad ogni mente filosofica, mistica o scientifica.

Sembrerebbe che la fonte da cui attinge il pittore, lo scultore, il poeta e il musicista si trovi in qualche remota zona dell’anima umana, in un luogo lontano e sconosciuto ove, per giungervi occorra valicare pendii, vallate e abissi tenebrosi.

L’ispirazione artistica o il piacere contemplativo artistico pare come giungere da un luogo di sogno, un luogo in cui noi, seppur essendo svegli, possiamo solo accedervi se smorziamo, abbassiamo o attenuiamo l’ordinario stato di coscienza.

In altri termini: accade qualcosa di magico, di inusuale che non appare sovrinteso dall’autocoscienza, ma che anzi tende a sopraffarla, con delicatezza e garbo, in maniera maliarda e accattivante.

In realtà il mondo ove vive l’elemento artistico, è lo stesso mondo sovrasensibile del quale si occupa il religioso indicandolo come regno di Dio e il filosofo come mondo archetipico: si tratta di un reale mondo sovrasensibile che è alla base del mondo sensibile. Un’anima capace di trasporsi in determinati stati di coscienza in piena consapevolezza di sé accede alla comprensione reale del mistero dell’arte.

L’iniziato o veggente che penetra nei mondi sovrasensibili scopre che la sorgente o mondo da dove ogni artista trae la sostanza delle sue creazioni artistiche, è la medesima nella quale egli fa le sue esperienze spirituali. L’iniziato sa, che così come si attingono forze rigenerative per la stanchezza del corpo durante il riposo notturno nel sonno, egli sa che la capacità di fare e di apprezzare arte viene attinta anch’essa durante il sonno.

Non si deve credere che in un artista sia razionalmente e coscientemente chiaro ciò che è misteriosamente infuso nelle sue opere; le ripercussioni delle sue esperienze astrali non hanno bisogno di imprimersi sino alla coscienza fisica per vivere nelle sue opere.

L’artista non è quasi mai necessariamente cosciente delle sue creazioni. La vera arte è la ricerca di una relazione fra l’uomo e lo spirito: portare la vita divino spirituale sulla terra e riconoscere in ogni manifestazione naturale l’agire dello spirito.

Grazie alla conoscenza spirituale, si devono riacquisire di nuovo quelle forze o facoltà spirituali che erano possedute atavicamente dall’uomo dei primordi, il quale produceva vera arte, ma tali forze devono essere presiedute e attivate in modo autocosciente, non in modo istintivo come fu un tempo. Vera arte può nascere solo accanto alla vera conoscenza: un’arte che agisca per istinto o per ispirazione inconsapevole non è più arte cosciente.


6° incontro

Il Quinto Vangelo e i 7 segni di Giovanni

Induismo, Zaraustra, Egitto, Ebraismo, quali preparazioni alla venuta dell’ io individuale nell’uomo ne Cristianesimo. L’evento del Golghota come punto centrale dell’evoluzione della coscienza planetaria.

– Gli antichi indiani sentivano che tutto, ovunque era spirito: l’elemento più spirituale era per loro il corpo fisico. Edificarono quindi una religione panteista: una religione del corpo fisico, essendo questo, spirito.

– I babilonesi costruirono alte torri per l’osservazione degli astri, all’astrologia e astronomia. Essi osservando e studiando le stelle scoprirono la presenza di costituente occulto nell’universo e nell’uomo: si accorsero dell’esistenza di un corpo astrale. Vedevano, riflessa nelle leggi planetarie e cosmiche, l’azione della volontà del divino. Edificarono una religione del corpo astrale.

– Gli egiziani sperimentarono e videro l’azione del Nilo: gli effetti eterici di tale massa d’acqua, dalla quale derivava tutto il loro sostentamento, edificò in loro una percezione che riconobbe nel mondo e in loro stessi, la presenza di un elemento eterico, vitale, che vivifica tutto: generarono una religione del corpo eterico.

Il morto che dopo i 3 giorni penetrava nel kamaloca, sperimentava che esisteva ancora una parte del suo corpo che si conservava sulla terra e non si dissolveva. Tale presenza lo teneva da un lato più consapevole della propria esistenza, ma al contempo lo vincolava anche alla terra.

– Gli ebrei invece non sentivano lo spirito presente nè nel corpo fisico, nè nell’eterico, nè nell’astrale: cercarono quindi lo spirito nell’invisibile: lo trovarono in quell’arto dell’uomo che si chiama Io spirituale. Trovarono un Dio invisibile, Javhe che lo si può intendere come il loro Io di gruppo, il loro io.

Abbiamo quindi 4 popoli nei quali si sono edificate 4 diverse religiosità connesse alla scoperta dei principi occulti umani.

Indiani: corpo fisico – panteismo (tutto è Dio) Babilonesi: corpo astrale – dualismo (aura mazda-orzmud)

Egiziani: corpo eterico – politeismo (vari dèi) Ebrei: Io spirituale – monoteismo (Javhè)

Cristianesimo: Dio abita nell’uomo


7° incontro Eros e psiche: amore, amicizia e sessualità Quando il sesso era nutrizione. Storia dell’origine della riproduzione e dell’amore nell’umanità.

LA POLARITA’: In essoterismo e esoterismo occidentale il sesso è via della“rinuncia”; in oriente è “via diretta”. Vi è una terza “via”?

– 1° affermazione fondamentale: la facoltà di pensare è stata acquisita a prezzo della unisessualità”.

affermazione fondamentale: un tempo il Sesso era Nutrizione. L’uomo androgino non si riproduceva per via sessuale, ma tramite una rigenerazione dell’involucro esterno. Il cibo “fecondava” le cellule, le quali nascevano e morivano. L’androgino di ricreava da se stesso autoalimentandosi: immortale.- L’androgino era privo di corpo fisico. Adamo ed Eva erano eterici, e astrali.

– 3° Affermazione fondamentale: l’uomo non proviene dalla scimmia, ma viceversa. Provenienza dell’uomo: un tempo tutto era “UOMO” : gli altri regni sono “residui” dell’uomo, uomini mancati. Il 90 per cento diviene sistema solare, il 10 per cento diviene umanità. Una volta il maschile e il femminile non era genere separato, il maschile non era una forma, ma una capacità interiore mentre il femminile era una capacità esteriore.

– 4 ° affermazione fondamentale: La forza riproduttiva è di natura eterica, non astrale. Proviene dal sole, non dalla luna.

Appartiene più al mondo vegetale che a quello animale;l’eros come forza vitale eterico, pura, impersonale e vegetale”.

La forza che fa crescere la vita del mondo è in origine una forza pura impersonale, priva di brama e di coscienza. Una potenza riproduttiva senza passione. E’ POSSIBILE Fare l’amore come lo fanno le piante?

– 5 ° affermazione fondamentale: Gli organi sessuali hanno doppia funzione:

di riproduzione o ricambio dei corpi della specie umana (riproduzione di esseri esterni), di ricambio delle cellule del proprio corpo (riprodurre la propria vita interna)

6 ° affermazione fondamentale: La felinità e la bovinità L’agire delle 4 forze delle costellazioni fisse per il sorgere del maschile e del femminile: le anime di gruppo prima dell’io dell’Elohim. (visione di Ezechiele) Le 4 forme di umano prima dell’io.

7 ° affermazione fondamentale: E’ la stessa forza (eros) quella crea bambini nel ventre, e pensieri nella mente. Si tratta di due facoltà che in origine erano una sola forza. Fare sesso e mischiarvi il pensare è come“cuocere il vitellino nel latte della mamma). Il sesso impuro. L’incesto: la madre (sesso) si unisce con il figlio (pensiero) L’amore come volontà di cooperazione. L’amare si muta in “bramare”. Compare l’esperienza egoistica. Il tornaconto. L’amore sensuale diviene il mezzo per perpetuare il corpo fisico umano.


8° incontro

Malattia e guarigione: concentrazione e meditazione secondo la tradizione occidentale.

Venerazione e calma interiore. Preparazione ed Illuminazione. Controllo di pensieri e sentimenti: esercizi immaginativi. Coscienza ispirativa: l’ascoltare occulto, vuoto interiore o lettura della scrittura occulta. Meditazione. Coscienza intuitiva: diventare l’altro. Il mistero del doppio e il piccolo e grande Guardiano della Soglia. Risvegliarsi dal sogno della vita.

Il problema di come poter giungere alla risoluzione degli enigmi vita e della materia, si basa non su un potenziamento degli organi di senso, ma su un superamento degli stessi: essi devono invero tacere. La convinzione –oggi diffusa- che la possibilità di conoscere si amplierà man mano che verranno usate le inconosciute facoltà del cervello, poggia su un errore. Il sistema nervoso non è uno strumento di conoscenza, ma solo uno specchio su cui si riflette l’attività di un elemento spirituale interiore, detto anima.

Il problema del superamento dei limiti della conoscenza non parte dall’utilizzo maggiore della cerebralità, ma dal suo scavalcamento. Sino a che l’uomo conosce in modo ordinario non arriverai mai a nessuna reale conoscenza. L’uomo deve elevarsi ad un livello superiore di coscienza scollegandosi dalle facoltà nervose, come avviene nel sonno. Che equivale ad un “dormire cosciente”. La frase precedente può sembrare un paradosso. Ma l’uomo deve imparare ad essere sveglio mentre dorme, vivere lo stato di sogno sapendo di non essere dentro il corpo. Perché anche se non lo sa, egli ogni volta che si addormenta esce dal suo corpo. Il suo organismo psichico interrompe il legame con il sistema nervoso, scollegandosi da esso: causando appunto il fenomeno dell’addormentamento.

Così come nel sogno l’uomo pur avendo gli occhi chiusi vede e vive una realtà che gli appare reale, allo stesso modo lo sperimentatore può addestrarsi a lasciare che il corpo si addormenti, e attivamente presiedere le fasi del sonno, sino a penetrarvi attivamente e a parteciparvi sapendo che il suo corpo sta dormendo. Pochi sanno che dormire sognando è realizzare una coscienza che non usa il corpo e i suoi nervi: è sperimentarsi fuori dal corpo come essere animico spirituale.

A colui che arriva ad essere desto durante il sogno non appare più un mondo di simboli e immagini oniriche: gli si svela quella essenza del mondo che prima nella veglia del corpo gli era celata. Viene a sapere che quel mondo che egli vede nei sogni, non sparisce al risveglio mattutino, ma continua ad esistere a lato delle esperienza diurne “avvolgendo” e integrando ogni essere e forma fisica.

Testi di riferimento:

  1. Steiner, Scienza occulta (O.O 13)

  2. Steiner, Teosofia (O.O 9)

  3. Steiner, L’inziazione (O.O 10)

  4. Steiner, La mia vita (O.O. 28), ed. Antroposofica;

  5. Steiner, La filosofia della libertà (O.O. 4), ed. Antroposofica;

  6. Steiner, La saggezza dei rosacroce (O.O. 99)

  7. Steiner, Il Cristianesimo come fatto mistico (O.O. 8), ed. Antroposofica;

  8. Steiner, La direzione spirituale dell’uomo e dell’umanità

(O.O. 15), ed. Antroposofica;

  1. Steiner, La missione universale dell’arte (O.O. 276), ed. Antroposofica.


Come aiuto e a titolo di verifica personale di apprendimento sul per-corso in esame, si invita a rispondere alle seguenti domande (scarica PDF)

Elenco globale 8 domande Per-corso forma
.
Download • 153KB

dopo previo riascolto dei files audio inviati, riferiti ai vari incontri. Questo per poter accertare l’apprendimento globale dei contenuti, dell’acquisita capacità di elaborarli e di metterli poi in pratica nella vita professionale o sociale, in modo creativo. Si invita a riconsegnare le risposte (via mail; unicornos@hotmail.it ) per avere un riscontro e un sostegno di studio.

Post recenti

Mostra tutti