Planetary Tuning - Accordatura

To rebalance, harmonise, retune,remember.



Good morning everyone. The author of this method, Tiziano Bellucci, is a musician, a researcher of anthroposophy.

He’d like to invite you to get to know this method that you’ll be able to explore further at the link shown here. This method is called planetary tuning. It’s based on a sound system which aims at re-harmonising and restoring the balance between human beings, their Destinies, and their pre-birth choices.

The origin of any disease is to be found in the connection between parts of the body and parts of the universe (the stars). Every organ is in tune with a planet of the Solar System.

Spiritual science tells us that before their birth every individual used to live as a spiritual creature in an immaterial state within a zodiacal planetary reality. Rudolf Steiner tells us that after living our

lives on earth, we continue our existence after death, ascending to higher states of consciousness that, various traditions call the Afterlife or Purgatory, Paradise.


These worlds in which, after their deaths, humans have a disembodied, immaterial existence are those very same zodiacal planetary spheres that from the Earth we can see shining in the sky; and we live there as cosmic beings, effused into the cosmos. In fact, the path we tread after death is like an expansion of our soul which spreads towards, and within, the various planetary orbits in the Solar System. In each planetary sphere the soul undergoes specific experiences and encounters special entities belonging to the hierarchies. The expansion begins as we effuse into the orbit of the Moon, then of Mercury, Venus and the Sun, going on to Mars, Jupiter and Saturn.


We lead an extra-terrestrial life in these higher planetary worlds and pour into them the fruits of our

previous experiences on Earth. After a certain period of time, that can even last for centuries, we are faced with a new opportunity for growth: to return to Earth so as to reap new fruits and gain new

faculties. In order to be able to descend once more to Earth we need to do two things: fashion a new body for ourselves with new organs, and draw up and prepare a new destiny plan that includes new

encounters, as well as opportunities to compensate for, and remedy, any mistakes that we may have committed against other human beings during a previous life. Just as we ascended all the way to

the sphere of Saturn, we must now re-descend and go back all the way down the planetary path.

As we cross each of the various planets we collect a series of gifts. These gifts are talents and strengths which will make it possible to form specific physical organs within our physical bodies

once we are on the Earth. For example, as we travel downwards, the spirit of planet Saturn

gives us life forces connected to the construction of the bone structure. At the same time, on the same planet, we enter into a pact of destiny with another specific individual, for example

establishing the date on which we are to meet and the goal towards which we intend to work together.

This resolution can either be a new event or an opportunity to make up for an old mistake. During each planetary descent we receive specific forces from each planet:

for our livers from Jupiter;

for ourgallbladders from Mars;

for our hearts from the Sun;

for our kidneys from Venus; for our

lungs from Mercury; for our brains

From the Moon.


As I said earlier, during the descent through the various planets we underwrite a planetary pact of destiny “inscribing” it within our etheric body or within the organ that corresponds to the planetary

sphere. One could say that one is preparing seven pacts of destiny with seven persons and seven different situations.

They are going to be a part of our earthly mission.

What happens if the soul loses sight of its rightful path or forgets which destiny

commitments it has undertaken? In the Italian language the verb “scordare” has two meanings: to forget and to play out-of-tune. The soul forgets the commitments it has made, losing harmony with

its planetary guides in the cosmos: And, in so doing, enters into a state of disharmony.

And this disharmony affects the constitution of the organ, thereby causing a specific disease. In fact, diseases that occur are evidence that something has been forgotten and this causes the striking of

a wrong chord between the body and its cosmic archetype.

It’s a musical problem involving spiritual memory and discordance.

In other words: diseases are a musical problem of dissonance, discordance or inattention. When listening, the power of vibrations brings back forgotten memories that are contained within the etheric organs and this facilitates a re-tuning with the planet connected to the organ that is suffering. Planetary tuning is a method for remembering which accords were made, for re-achieving harmony by using the seven planetary harmonies that are also known as the Greek “modal” scales.

If we are able to produce and listen to a music that corresponds to that planetary world, we can gradually, day by day, by listening to that specific melody or harmony, reconnect with the archetype and remember that which we have forgotten.

If we are able to get the forgotten pact to resurface, then it’s done.

We can get better; healing means to fulfil that destiny that had been forgotten.

Further content is available at this link and you’ll be able to request information.

Best wishes to you all.


Tiziano Bellucci


(Thanks to Simonetta Allder for translation)


RIEQUILIBRARE, ARMONIZZARE, RI-ACCORDARSI, RI-CORDARSI


Buongiorno a tutti, sono Tiziano Bellucci: sono un musicista, un ricercatore di antroposofia e

vorrei invitarti a conoscere questo metodo, che potrai poi approfondire nel link in descrizione, chiamato “accordatura planetaria”.


Si basa su un sistema sonoro, che tende ad una ri-armonizzazione, ad un riequilibrio dell’entità umana nei confronti del suo destino e delle scelte che sono state fatte prima di nascere.


L’origine della malattia è legata ad un legame fra le parti del corpo umano e le “parti” dell’universo (astri): ogni organo è “intonato” con un pianeta del sistema solare.


La scienza spirituale ci dice che ogni individuo prima di nascere vive -come creatura spirituale- in una condizione immateriale, in una realtà planetaria/zodiacale.


Steiner ci dice che ogni uomo dopo aver vissuto una vita sulla terra continua dopo la morte la sua esistenza ascendendo a stati superiori della coscienza che le varie tradizioni chiamano “aldilà” o purgatorio, paradiso.


Questi “mondi” in cui l’uomo dopo la morte ha un’esistenza immateriale, sono quelle stesse “sfere planetarie e zodiacali” che possiamo vedere rilucere nella volta celeste dalla terra: egli vive là come essere cosmico, effuso entro il cosmo.


Di fatto, il percorso dell’uomo dopo la morte è un’espansione che la sua anima compie, allargandosi verso e dentro le varie orbite planetarie del sistema solare.

In ogni sfera planetaria compie determinate esperienze e incontra particolari entità delle Gerarchie.

L’espansione comincia dall’effondersi entro l’orbita della Luna, poi entro Mercurio, Venere e il Sole. Sino a Marte, Giove e Saturno.


L’uomo trascorre una vita extraterrestre in questi mondi planetari superiori, riversando in essi i “frutti” del suo precedente agire terrestre.


Dopo un certo lasso di tempo, che può durare anche secoli, gli si presenta una nuova opportunità di crescita: ritornare sulla Terra per raccogliere nuovi frutti e facoltà.


Per poter ridiscendere sul pianeta terrestre ha bisogno di due cose:

- di formarsi un nuovo corpo, con nuovi organi

- predisporre e preparare il piano di destino che preveda sia nuovi incontri, sia occasioni che per poter compensare, rimediare ad errori che possono essere stati commessi nei confronti di altri uomini nella vita precedente.


Così come è asceso sino la sfera di Saturno, deve ora ridiscendere e ripercorre al contrario tutto il percorso planetario.


Ecco che attraversando ogni pianeta raccoglie dei doni: questi doni sono sia dei talenti, sia delle forze attraverso cui si andranno a formare determinati organi fisici entro il suo corpo fisico, una volta giunto sulla terra.


Ad esempio, discendendo, il “genio” del pianeta Saturno gli dona forze vitali legate alla costruzione del sistema osseo. Al contempo sul pianeta stesso l’uomo stringe anche un “patto” di destino con un determinato individuo fissando ad es. una data d’incontro e un intento da svolgere insieme. Questo “proposito” può sia essere un evento nuovo, sia un’occasione per compensare un “errore” antico.


Ad ogni “discesa” planetaria, in ogni pianeta riceve forze appropriate:

per il suo fegato (in Giove),

per la sua cistifellea (Marte),

per il suo cuore (Sole),

per i suoi reni (Venere),

per i suoi polmoni (Mercurio) e

per il suo cervello (Luna).


Come abbiamo detto prima, durante la calata in ogni pianeta si sottoscrive ad un patto planetario di destino, “inscrivendolo” nel sistema vitale o nell’organo corrispondente alla sfera planetaria.

Si può dire che si preparano 7 “patti” di destino, con 7 persone, 7 situazioni diverse: saranno parte della nostra missione terrestre.

Cosa accade se l’anima svia dal suo cammino, o si “dimentica” o si “scorda” degli impegni di destino presi? In italiano “scordare” ha due significati: dimenticare e “stonare l’intonazione”. L’anima di “scorda” gli impegni presi, perdendo l’intonazione con le sue guide planetarie nel cosmo: così da entrare in una “disarmonia”.

E questa si riversa sulla costituzione dell’organo, portandola entro una determinata malattia.

Di fatto, ogni patologia che si presenta è al contempo una “dimenticanza” che è causa di stonatura fra il corpo e il suo Archetipo nel cosmo.

Un problema musicale di memoria spirituale e di “dissonanza”.


Ogni patologia è quindi un “problema musicale” di dissonanza, di scordatura o disattenzione. Il potere della vibrazione fa affiorare determinate “memorie dimenticate” che sono presenti entro gli organi vitali, favorendo una “ri-accordatura” con il pianeta connesso all’organo squilibrato.

L’accordatura planetaria è un metodo per “ricordare gli accordi presi” per il “riequilibrio” attraverso l’uso delle sette armonie planetarie; chiamate anche scale modali greche.

Se noi riusciamo a produrre ad ascoltare una musica che corrisponda a quel mondo planetario

noi possiamo gradatamente ogni giorno ascoltando quella melodia, quell'armonia ricollegarci con l'archetipo e ricordarci di ciò che avevamo dimenticato.

Se noi riusciamo a fare risorgere noi il patto dimenticato allora a cosa è fatta.

Noi riusciamo a guarire: la guarigione è andare adempiere ciò che nel destino è stato dimenticato.


Nel link in descrizione potete visionare altri contenuti e richiedere informazioni


Un caro saluto a tutti.


Tiziano Bellucci





Post recenti

Mostra tutti