top of page

Una Casa Virtuale per la Meditazione

Aggiornamento: 22 gen

Entra nelle "stanze" e dedicati alla tua anima. Meditare, contemplare, pregare secondo l'orientamento della scienza spirituale europea.

Il male maggiore per un individuo dei nostri tempi è il NON prendersi cura di se stessi: "ritagliare" un momento in cui quotidianamente raccogliersi e contemplare la propria anima in silenzio, è una grande terapia e una grande occasione di rinforzarsi.

Abbiamo creato uno spazio virtuale dove "invitare" a pianificarti momenti nella giornata per occuparti della tua interiorità, per il tuo sviluppo, la tua elevazione.

Non è uno dei tanti "corsi" on line preregistrati.

E' un luogo al di là dello spazio dove puoi entrare e scegliere di aprire una "porta" e farvi dentro un'esperienza. Ci sono al momento 65 porte, che conducono a 65 stanze diverse. (65 esercizi che ho raccolto e praticato durante la mia ricerca antroposofica)

Può oggi interessarti CONCENTRARTI. Oppure MEDITARE. Avere BISOGNO. PREGARE. Ascoltare musica spirituale. Puoi scegliere quale porta aprire.


Sarebbe bene se lo facessi ogni giorno alla stessa ora: al mattino, dopo pranzo, o la sera. Ogni stanza è un occasione di "penetrazione "dentro di te. Pochi minuti di attenzione.


E una volta all'interno di una stanza cosa accade?

Ti concentri, mediti.

Come si medita, come ti concentri?

In piena consapevolezza si devono ridurre, eliminare tutte le percezioni dei sensi: calore, rumore, piacere e dispiacere, giudizi e pensieri automatici devono venire tacitati. L’anima e il corpo deve come predisporsi a “isolarsi” dal mondo esteriore e da ogni considerazione interiore.

In questo stato, in cui il meditante distoglie la sua attenzione da ogni impressione sensoriale, l'anima deve però conservare la sua presenza, la sua lucida consapevolezza. Solitamente eliminare le percezioni dei sensi porta all’addormentamento. E’ quindi bene meditare non sdraiati, ma seduti, in modo che se dovesse sopravvenire il sonno, ci si avveda del fatto e ci si ricomponga vigili. Ora l’anima così svuotata, così svincolata da ciò che arrivava dai sensi, deve riempirsi di determinate immagini e sensazioni suscitate con grande volontà interiore. L’anima deve sapere creare per forza propria, certi sentimenti, certi impulsi tanto da renderli possenti ed intensi come quando viene stimolata da oggetti esterni. Non si tratta di chiedere ulteriori spiegazioni, o dire: cosa devo fare? Come devo pensare? Occorre prendere prendere una frase o un 'immagine e porla al centro di se stessi, cercando con forza e pazienza, di lasciare che essa stessa ci trasmetta un contenuto. Perché essa è dotata di un contenuto chiaroveggente in grado di introdurci ad una esperienza spirituale.


Tiziano Bellucci


PER info ulteriori



per ISCRIVERTI:


NON TROVI IL TEMPO PER MEDITARE? NON LO TROVI UTILE?

Cerchi un'esperienza spirituale? Ce l'hai a portato di "mente" in ogni momento. Ogni volta che PENSI tu non sai che usi sostanza spirituale, ti MUOVI in un mondo spirituale fatto di sostanza di pensiero.

Cosa credi che sia la tua mente? Fantasie? invenzioni? Sono pensieri. Ma i pensieri non sono solo "pensieri". Sono anche un altra cosa.

Se riesci ad osservarti, se hai la pazienza di indagare ciò che vive nel tuo pensiero, nella tua forza di coscienza, puoi fare una scoperta meravigliosa, e avere una "prova" dell'esistenza di un mondo spirituale di cui sei partecipe, sempre.

Dentro di te, vi è la porta, l'accesso ad un mondo superiore

Imparare a concentrarsi in se stessi significa superare il pensare cerebrale e arrivare sperimentare il proprio corpo eterico.

Non è un insignificante "sonnecchiare" o un "rilassarsi".

E' una modalità per accorgersi che ciò che è intelletto è solo ombra di un intelligenza superiore.

La natura del tuo pensiero di fatto si palesa come un essenza titanica di vita fluente incessante, un tessuto sovrasensibile ove si intrecciano colloqui spirituali, deliberazioni di volontà promananti da entità divine Non è solo "pensiero". Si tratta di impulsi connotati secondo progetti e intenzioni di una saggezza sovrumana. Dal tuo "io", che è un abitante dei mondi spirituali: è disceso da lì sulla Terra.

In esso fluttua la “parola primordiale” cantata di coro in coro, di angelo in arcangelo.

Ogni volta che chiudi gli occhi e mediti puoi arrivare a superare l’INTELLIGENZA umana per arrivare a vivere la SAGGEZZA del cosmo. Provaci. Fai qualcosa per te stesso. E per il mondo spirituale. Osserva la tua mente e i tuoi pensieri. Ti stupirai.

indicazioni esoteriche sui testi da cui trarre meditazioni:

https://www.unicornos.com/post/l-antroposofia

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page